SCUOLAMEDIADIGITALE [AT] GMAIL [DOT] COM

Il sito

Il sito nasce per diverse esigenze. Molte di esse continuano a resistere, a distanza di anni da loro primo apparire. Altre invece hanno cambiato fisionomia. Di altre ancora, probabilmente, in futuro rimarranno tracce molto flebili.
La prima esigenza è quella di proseguire la condivisione di contenuti e lavori prodotti in classe e individualmente da parte dei miei allievi in uno spazio virtuale, come avevo già sperimentato nei precedenti anni scolastici, attraverso la predisposizione di alcuni semplici strumenti di “artigianato digitale” che ho progressivamente messo a punto. Non è da escludere che ciò possa avere anche qualche interessante ricaduta didattica, ma questo aspetto è tutto da valutare.
La seconda esigenza, legata alla prima, consiste nel dare evidenza, corpo e voce ad uno spazio di conoscenza che si emancipi dalla declinazione deteriore che definisce – in molti casi legittimamente – il concetto di virtuale. Di conseguenza, la necessità per chi, come me, insegna, è quella di concepire questo spazio non come alternativo, diverso o non comunicante rispetto agli spazi della quotidianità, ma come prolungamento di un evento come quello dell’imparare che si compie in uno spazio fisico ben determinato, all’interno di una comunità, dentro un patto di lavoro, motivazione e corresponsabilità che prende forma tra persone che si confrontano, faccia a faccia, quotidianamente.
La terza necessità è quella di non dover mai rinunciare alla dimensione della testualità, pur concepita nella sua multiformità di testo scritto, iconico, audiovisivo o mediale. Idealmente, quindi, questo sito potrebbe consistere in una piccola parte di un testo complesso, ma al quale guardare come un dispositivo tra i molti altri che rendono possibile l’incontro tra gli allievi e il sapere.
Con la medesima aspirazione di sempre: che il testo si incarni, che prenda nuovamente forma vita in una presenza, in un corpo, in una voce.

Scritto da | 2017-11-18T19:06:58+00:00 dicembre 31st, 2016|HOME SITO, scuola media digitale|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento