Attributo e apposizione

attributo e apposizione

In questa pagina troverai degli esercizi di analisi logica su attributo e apposizione.

Nello studio della sintassi della frase, l’attributo è un aggettivo che ha la funzione di determinare in modo più preciso un nome (o sostantivo): poiché l’attributo può riferirsi a funzioni logiche diverse, nel menu a tendina che si aprirà nell’esercizio di analisi logica, potrai scegliere se l’attributo si riferisce:
1. Al soggetto della frase: “Il mio zaino è pesante”, “La penna rossa è sopra il tavolo”, “I grandi autori sono dei classici”.
2. Al nome del predicato di un predicato nominale: “Carlo è un amico sincero“, “Il papà di Andrea è un bravo dirigente”, “La tigre è un grosso felino”.
3. Ad un complemento (diretto o indiretto): “Il gatto di mio fratello è un soriano”, “Ho chiesto ad un passante molto gentile indicazioni per il negozio”, “L’affresco è stato restaurato da numerosi artigiani”.
4. Ad una apposizione: “Mia sorella Giada è gentile”, “Quel ragazzo è Sandro, il fratello minore di Sofia”.

L’apposizione invece un nome che precisa in modo più definito un altro sostantivo. Anche in questo caso, l’apposizione può riferirsi:
1. Al soggetto della frase: “Mio fratello Federico ha l’hobby del modellismo”, “Antonella, la zia di Franca, era una brava insegnante di Lettere”, “Hercule Poirot come investigatore era infallibile”.
2. Al nome del predicato: “Rossi è un ingegnere collaboratore di un grosso studio di Milano”.
3. Ad un complemento (diretto o indiretto): “Ieri mattina ho incontrato Erica, la sorella di Stefano”, “Al Louvre chiunque può ammirare la Gioconda, mirabile opera di Leonardo da Vinci”, “Il torneo di Wimbledon è stato vinto da Roger Federer, il più grande campione di tennis di tutti i tempi”.
Ricorda inoltre che l’apposizione può essere introdotta anche da espressioni come in qualità di, come, da, in funzione di ecc.
Ricorda che il criterio fondamentale, quindi, per distinguere attributo e apposizione, è l’appartenenza a due categorie morfologiche differenti: l’attributo è un aggettivo, l’apposizione è un sostantivo.
1. La vostra gentile richiesta è stata accolta.
vostra
gentile
la richiesta
è stata accolta

2. Resta poco tempo.
Resta
poco
tempo

3. Il ragionier Rossi è preciso e puntuale.
ragionier
Rossi
è preciso e puntuale

4. I pinguini reali% uccelli bizzarri e curiosi% sono una specie protetta.
I pinguini
reali
uccelli
bizzarri
curiosi
sono una specie
protetta

5. È stata calendarizzata quella riunione importante?
È stata calendarizzata
quella
riunione
importante

6. Le costruzioni erano il mio gioco preferito.
Le costruzioni
erano il gioco
mio
preferito

7. Mio zio Giovanni% da giovane% era un pallavolista famoso.
mio
zio
Giovanni
da giovane
era un pallavolista
famoso

8. Ci sarà tuo fratello Francesco?
Ci sarà
tuo
fratello
Francesco

9. In qualità di presidente% Bianchi è stato equo e autorevole.
In qualità di presidente
Bianchi
è stato equo e autorevole

10. Il mio amico Enrico è stato rimproverato.
mio
amico
Enrico
è stato rimproverato

11. È stato deciso il tuo ruolo?
È stato deciso
tuo
ruolo

23 pensieri su “Attributo e apposizione

  1. Milena

    Buona sera!
    Lunedì ho una verifica sull’analisi logica ma non riesco a capire molto bene l’attributo e l’apposizione la prego potrebbe spiegarmi?

    Rispondi
  2. Pingback: Attributo, apposizione e complemento oggetto | ImparareInAllegria

  3. Maria

    Ho bisogno di aiuto…
    Nella frase: ragazzi, prima della stesura del testo vi consiglio l’elaborazione di una mappa concettuale
    Ragazzi cos’è?

    Rispondi
    1. Prof. Netto Autore articolo

      Complemento di vocazione. In realtà non si tratta di un vero e proprio complemento, in quanto non presenta alcun collegamento logico con il resto della frase, avendo soltanto una funzione fatica: tuttavia, nelle grammatiche tradizionali viene così classificato.

      Rispondi
  4. Giorgia

    Mi sto esercitando per un verifica di analisi logica, e questo è il sito migliore che ho trovato per gli esercizi online, Grazie

    Rispondi
    1. Prof. Netto Autore articolo

      Grazie a te per l’apprezzamento. In effetti il sito è pensato proprio per un ripasso.
      In bocca al lupo per la verifica!

      Rispondi
  5. Marco

    Salve
    ma nella frase 7 (mio zio Giovanni da giovane era un pallavolista famoso) da giovane non è complemento di tempo?

    Rispondi
    1. Prof. Netto Autore articolo

      Salve, direi che l’espressione “da giovane” ha valore appositivo, anche se indubbiamente contiene anche una sfumatura temporale.

      Rispondi
  6. Silvio Cavarero

    Buongiorno,
    nella frase numero 4 (I pinguini reali, uccelli bizzarri e curiosi, sono una specie protetta), una specie protetta è da ritenersi, per intero, nome del predicato e non: una specie = parte nominale e protetta = attributo del nome del predicato.
    Lei cosa ne pensa?
    Cordiali saluti

    Rispondi
        1. Prof. Netto Autore articolo

          Consideri ad esempio questa frase (è molto banale, ma serve a rendere l’idea): “La pizza è un alimento buonissimo”; “buonissimo” è attributo del nome del predicato che compone, assieme alla copula, l’intero predicato nominale “è un alimento”.

          Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *